Tratto da "Come Ottenere il meglio da sè e dagli altri"


Coloro che hanno raggiunto l’eccellenza seguono una precisa strada che porta al successo, quella che io chiamo Formula Fondamentale del Successo.

"Il primo passo per farla propria consiste nel conoscere il risultato che si vuole ottenere, vale a dire nel definire esattamente ciò che si vuole. Il secondo passo consiste nell’agire, altrimenti i desideri resteranno sempre semplici sogni; e bisogna compiere quelle azioni che hanno la massima probabilità di produrre il risultato desiderato.

Non sempre le azioni che compiamo producono i risultati cui tendiamo, per cui il terzo passo consiste nello sviluppare la capacità di riconoscere i tipi di risposte e i risultati che si ottengono dalle azioni e di costatare quanto prima possibile se ci portano più vicino ai nostri obiettivi o se ce ne allontanano. A questo punto, il quarto passo consiste nello sviluppare la flessibilità necessaria a cambiare il proprio comportamento finché non si ottenga quel che si vuole.
Se si osservano persone di successo, si noterà che hanno fatto proprio appunto questo procedimento in quattro fasi.
Hanno cominciato fissandosi un obiettivo, perché non se ne può raggiungere nessuno se non lo si ha.
Poi hanno agito, perché sapere non è sufficiente; avevano la capacità di “leggere” gli altri, di sapere quali risposte avrebbero ottenuto. E hanno continuato a correggere, a cambiare il proprio comportamento fino a trovare quello adatto.
Prendiamo in considerazione Steven Spielberg, che a trentasei anni è divenuto il regista e produttore di maggior successo della storia. Gli si devono già quattro dei dieci film che hanno fatto più cassetta di tutti i tempi, tra cui E. T., il film che ha incassato come nessun altro.
Come ha fatto a giungere a questi risultati in così giovane età?
Fin da quando aveva dodici o tredici anni, Spielberg sapeva che voleva diventare un regista cinematografico, e la sua vita è cambiata il pomeriggio in cui, aveva allora diciassette anni, ha partecipato a una visita agli studios della Universal. Nella visita non erano compresi i teatri di posa dove si stava girando, per cui Spielberg, che sapeva quel che voleva, se l’è filata da solo per assistere alla lavorazione di un vero film. E ha finito per imbattersi nel responsabile del reparto montaggio della Universal, parlando con lui per un’ora, e il tecnico ha espresso interesse per il film che Spielberg avrebbe voluto girare.
Per gran parte degli individui sarebbe stata la fine della storia, ma Spielberg aveva imparato la lezione di quella prima visita, e ha cambiato approccio. Il giorno dopo si è vestito di tutto punto, ha preso la cartella di suo padre, ci ha messo dentro un panino e due tavolette di cioccolato, ed è tornato agli stabilimenti come se facesse parte del personale. Con l’aria più tranquilla del mondo è passato sotto il naso del guardiano ai cancelli.
S’è procurato una vecchia roulotte e sulla portiera ha applicato la scritta “Steven Spielberg, regista”. Ha quindi trascorso l’estate incontrando registi, scrittori e tecnici del montaggio, aggirandosi ai margini di un mondo al quale aspirava, imparando qualcosa da ogni conversazione, osservando e sviluppando una crescente sensibilità per i vari aspetti connessi alla lavorazione di un film.
Finalmente, all’età di vent’anni, ormai divenuto un frequentatore abituale dell’ambiente, ha portato alla Universal una modesta pellicola da lui girata, e si è sentito offrire un contratto di sette anni per dirigere una serie televisiva.
Il sogno di Steven era divenuto realtà.
Spielberg ha fatto propria la Formula Fondamentale del Successo? Certamente. Era in possesso delle conoscenze specialistiche che gli permettevano di sapere quel che voleva. È entrato in azione. Aveva l’acutezza sensoria necessaria per capire quali risultati avrebbe ottenuto e rendersi conto se le sue azioni lo avvicinavano o lo allontanavano dall’obiettivo. E non gli mancava l’elasticità indispensabile per cambiare comportamento allo scopo di ottenere ciò che voleva. In pratica ogni persona di successo a me nota fa lo stesso; coloro che riescono a spuntarla sono pronti a cambiare e si mostrano flessibili al punto da riuscire a crearsi l’esistenza cui aspirano.
[...]
L’unica differenza tra essere o non essere in grado di camminare sul fuoco consiste nella capacità di comunicare con se stessi in modo da indursi all’azione stabilendo, a dispetto di tutte le paure passate, quello che deve succedere.
La lezione che se ne ricava è che gli individui possono fare in pratica ogni cosa, purché abbiano la capacità di credere che possono intraprendere azioni efficaci e di farlo davvero.
Tutto questo porta a una semplice, inevitabile costatazione: il successo non è frutto del caso. Vi sono coerenti, logici moduli d’azione, strade specifiche che portano all’eccellenza, strade che sono alla portata di tutti.
Tutti possiamo liberate la magia dentro di noi; dobbiamo semplicemente imparare ad “accendere” e a servirci delle nostre menti e dei nostri corpi nei modi più potenti e vantaggiosi."

Anthony Robbins