La chiave del successo? La grinta

Dopo aver lasciato un buon lavoro come consulente, Angela Lee Duckworth iniziò a lavorare come insegnante di matematica delle scuole medie in una scuola pubblica di New York. Subito si rese conto che il Q.I. non era l'unica cosa che separava gli studenti di successo da quelli che facevano fatica. Qui ci spiega la sua teoria della "grinta" per predire il successo.

"All'età di 27 anni, lasciai un lavoro impegnativo in consulenza gestionale per un lavoro ancor più impegnativo: insegnare. Andai a insegnare matematica ai ragazzi delle medie nelle scuole pubbliche di New York. E come ogni insegnante, preparavo quiz e test. Assegnavo i compiti. Quando i lavori mi venivano consegnati, calcolavo i voti.
0:35Ciò che mi colpì fu che il Q.I. non costituiva la sola differenza tra gli studenti migliori e peggiori. Alcuni dei miei migliori alunni non avevano Q.I. stratosferici. Alcuni dei ragazzi più intelligenti non andavano molto bene.
0:53E questo mi fece pensare. Le cose che devi imparare alle medie in matematica, sono difficili: le proporzioni, i decimali, l'area di un parallelogramma. Ma questi concetti non sono impossibili, e io ero convinta che tutti i miei studenti avrebbero potuto imparare il materiale se avessero lavorato sodo e a lungo.
1:15Dopo qualche altro anno di insegnamento, giunsi alla conclusione che ciò di cui abbiamo bisogno nell'istruzione è una migliore conoscenza degli studenti e dell'apprendimento da un punto di vista motivazionale, da un punto di vista psicologico. Nell'istruzione, la cosa che sappiamo misurare meglio è il Q.I., ma che succede se andare bene a scuola e nella vita dipende da qualcosa di più grande dell'abilità di imparare velocemente e facilmente?
1:47Quindi lasciai la scuola, e andai all'università per diventare psicologa. Iniziai a studiare i ragazzi e gli adultiin vari contesti impegnativi, e in tutti gli studi la mia domanda era: chi ha successo qui e perché? Andai con il mio gruppo di ricerca all'Accademia militare di West Point. Cercammo di predire quali cadetti sarebbero rimasti nell'addestramento militare e quali si sarebbero ritirati. Andammo al National Spelling Bee per cercare di predire quali bambini sarebbero andati avanti nella gara. Studiammo tra gli insegnanti le nuove reclute che lavoravano in quartieri difficili, chiedendoci quali insegnanti sarebbero stati ancora lì a insegnare alla fine dell'anno scolastico e tra questi, chi sarebbe stato il più efficace nel migliorare i risultati di apprendimento degli studenti. Collaborammo con aziende private, chiedendoci quali venditori avrebbero mantenuto il posto di lavoro. E chi avrebbe guadagnato più soldi. In tutti questi contesti diversi, emerse una caratteristica per prevedere in modo significativo il successo. E non era l'intelligenza sociale. Non era l'aspetto fisico, la salute fisica e non era il Q.I. Era la grinta.
3:00La grinta è la passione e la perseveranza per raggiungere obiettivi a lungo termine. La grinta è resistenza.La grinta è seguire il proprio futuro, giorno dopo giorno, non solo per una settimana, o per un mese, ma per anni, lavorando sodo per rendere quel futuro una realtà. La grinta è vivere la vita come una maratona, non come uno scatto.
3:26Qualche anno fa, iniziai a studiare la grinta nelle scuole pubbliche di Chicago. Chiesi a migliaia di studenti delle superiori di compilare questionari sulla grinta, e aspettai più di un anno per vedere chi si sarebbe diplomato. Risultò che i ragazzi più grintosi avevano più probabilità di diplomarsi, anche quando li confrontavo in base a qualsiasi caratteristica potessi misurare, come il reddito della famiglia, i punteggi nei test di valutazione, e quanto i ragazzi si sentivano sicuri a scuola. Quindi non è solo a West Point o al National Spelling Bee che la grinta conta. Conta anche a scuola, specialmente per i ragazzi che rischiano di ritirarsi. Per me, la cosa più scioccante sulla grinta è quanto poco sappiamo, quanto poco la scienza sa, su come svilupparla. Ogni giorno, genitori e insegnanti mi chiedono: "Come sviluppo la grinta nei ragazzi? Cosa devo fare per insegnare ai ragazzi una solida etica del lavoro? Come li mantengo motivati nel lungo periodo? La risposta sincera è che non lo so. (Risate) Quello che so è che il talento non ti rende grintoso. I nostri dati mostrano chiaramente che ci sono molti individui di talento che semplicemente non portano a termine i propri impegni. Infatti, nei nostri dati, la grinta di solito non è legata o è inversamente legata al talento.
4:51Per ora, la migliore idea che ho sentito su come sviluppare la grinta nei ragazzi è una cosa chiamata "mentalità di crescita". È un'idea sviluppata alla Stanford University da Carol Dweck e riguarda la convinzione che l'abilità di imparare non è fissa, ma che può cambiare con i propri sforzi. La Dott.ssa Dweck ha mostrato che quando i ragazzi leggono e imparano riguardo al cervello, a come cambia e cresce in relazione alle sfide, è più probabile che essi perseverino quando falliscono, perché non credono che il fallimento sia una condizione permanente.
5:27Quindi la mentalità di crescita è una grande idea per sviluppare la grinta. Ma serve qualcosa di più. E su questo punto concluderò le mie osservazioni, perché è il punto in cui siamo adesso. È il lavoro che ci aspetta. Dobbiamo prendere le nostre migliori idee e intuizioni, e metterle alla prova. Dobbiamo misurare se abbiamo avuto successo e dobbiamo essere disposti a fallire, a sbagliare, a cominciare daccapo con le lezioni imparate.
5:54In altre parole, dobbiamo essere grintosi sul fatto di rendere i nostri ragazzi più grintosi.
6:01Grazie."